Logo sezione Cultura Cultura

Il principio dell'incertezza

 

Un professore. Una lezione di fisica quantistica. Un uomo che ama l'universo.

Il metodo scientifico che si scontra con la pseudoscienza.

Un segreto. Una confessione. Un epilogo sorprendente.

Perché esistono soluzioni a tutto. Non è vero?

tl_files/canal-san-bovo/files/immagini/principio (1).JPG

Una vera e propria lezione di meccanica quantistica. Il Principio dell'Incertezza è ispirato alla figura di Richard Feynman, importantissimo e popolare fisico statunitense premio Nobel per la fisica nel 1965.

tl_files/canal-san-bovo/files/immagini/principio (6).JPG

In scena si sviluppa l'esposizione del professore che si inerpica attraverso alcuni fra i più misteriosi concetti della meccanica quantistica (l'esperimento della doppia fenditura, il gatto di Schroedinger, i many-worlds di Hugh Everett III) per raccontare un meraviglioso mondo fatto di misteri e paradossi. Ma sotto si nasconde un'inquietante verità. Nel mezzo di eleganti formule e meravigliose idee sull'universo, presto si intuisce che il Professore sta vivendo una devastante tragedia personale. Fra i paradossi della fisica e le teorie degli universi paralleli sorge quindi la domanda: in quale universo la tragedia non è avvenuta? E soprattutto: come andarci? La lezione si trasforma così in una confessione che mescola le teorie più evolute della meccanica quantistica, le teorie dei mondi paralleli, con i segreti del professore, spingendolo a prendere una decisione estrema.

tl_files/canal-san-bovo/files/immagini/principio (3).JPG

 

Il principio dell’incertezza

mercoledì 13 novembre 2013 20,30 - Sala della Biblioteca

Ispirato a Richard Feynman e dedicato a mio figlio - di e con Andrea Brunello

Produzione Arditodesìo | Teatro Portland in collaborazione con Teatro in-folio. Con il supporto economico della Provincia Autonoma di Trento e della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto.

  • Twitter feed loading...